Casato Unico – Veneto

Fortemente autoctono è il Prosecco del Casato Unico, frutto del vitigno Glera, radicato nel Triveneto, esattamente a San Fior. I suoi calici sono serviti e spiegati con contagioso entusiasmo da Gianluca Moras, che a 25 anni ha intrapreso questa nuova avventura enologica dando vita ad un nuovo ramo aziendale famigliare la cui tradizione tramandata da generazioni prende ufficialità grazie al marchio. Nel 2012 per la prima volta con sole 7.000 bottiglie si è affacciato nel mercato, ed in pochissimo tempo grazie a molteplici riconoscimenti ricevuti è riuscito a collocare Casato Unico come bollicina di eccellenza. “Il Prosecco che i nostri clienti degustano, è lo stesso identico Prosecco che noi utilizziamo tutti i giorni sulla tavola della nostra casa.” Afferma il giovane imprenditore, non rimane altro da aggiungere se non assicurare che questo modo tradizionale è sicuramente “qualità originale”.

 

 

Cantina Il Passo – Basilicata

Nel 2012 l’azienda agricola Grimolizzi, risalente agli inizi dell’800, decide di inserirsi in un altro settore. Dopo aver acquistato la vigna, effettua un secondo acquisto: una cantina scavata in grotta naturale di tufo. Questo secondo acquisto implica la decisione di non voler vendere il prodotto ricavato dalla vigna, ma bensì di trasformarlo. La scelta di intraprendere questo cammino, deriva dalla passione per le cose sane e dalla voglia di trasmettere la genuinità in prodotti di qualità. La mission dell’azienda nasce dall’esigenza di portare avanti e sempre più in alto il marchio Made in Italy invidiato in tutto il mondo. Fondamentale è la scoperta, o per meglio dire, la riscoperta della genuinità e di quanto sia importante in un’era così altamente influenzata dalla globalizzazione, riportare alla luce la tradizione di aziende che hanno vissuto e fatto la storia d’Italia. Non è un caso che la scelta del prodotto sia ricaduta su un’unica linea di vino: L’Aglianico del Vulture.

La Cantina Il Passo prende il nome dal primo terreno che si incontra quando si arriva all’azienda: un oliveto soprannominato “Il Passo”, considerato dalla famiglia Grimolizzi il luogo di partenza dal quale si estende tutta l’azienda verso la collina. Il nome del vino “Alberi in piano” prende spunto dalle origini dell’azienda, quando il fondatore Francesco Grimolizzi decise di comprare la masseria che era ed è tutt’ora soprannominata “Contrada Alberi in piano”. Ecco il motivo per il quale l’azienda si chiama “Il Passo”, perché è il luogo di partenza.

Scheda tecnica “Alberi in Piano”

ilpassovino Cantina Il Passo   Basilicata

 

 

 

 

 

 

 

Vitigno: Aglianico del Vulture
Terreno: medio impasto – superficie totale 4 ettari – vigneto di 35 anni
Potatura: cordone speronato
Epoca di vendemmia: fine Ottobre; rigorosamente manuale.
Vinificazione: classica vinificazione in rosso; raccolta manuale in cassette di plastica. Le uve vengono selezionate manualmente facendole scorrere su un nastro vibrante, i grappoli vengono pigiadiraspati dolcemente. Il mosto con le bucce viene portato in fermentini termocondizionati, la fermentazione dura circa 15 gg a temperatura costante, circa 28°. Durante l’intera fase di fermentazione vengono eseguiti 3 rimontaggi giornalieri. Al termine della fermentazione, grazie alla pressatura, il vino, previo controllo analitico viene travasato in vasca d’acciaio dove riposerà per circa 2 mesi. Successivamente verrà messo in tonneaux nuovo dove svolgerà la fermentazione malolattica ed un successivo affinamento per circa 18 mesi in legno. Successivamente si procede alle operazioni di lavorazioni di pre-imbottigliamento.

Dati analitici: gradazione alcolica 14% – acidità totale 5.80 g\l – ph 3.35
Abbinamento: ABBINAMENTO CLASSICO CON SUGHI E CARNI, DA PROVARE CON COSCIOTTO D’AGNELLO LUCANO SU LETTO DI PEPERONI E POMODORI SECCHI.

ilpasso2 Cantina Il Passo   Basilicata

ilpasso1 Cantina Il Passo   Basilicata

PeperDop

Situata nel Comune di Pontecorvo (FR) per la coltivazione del Peperone Dop a pieno campo, l’Azienda Agricola di Natoni Claudia (Peperdop) nasce nel 2017 con lo scopo di valorizzare il locale peperone e di proporre una vasta gamma di prodotti derivati da questo tipico ortaggio. E’ un’azienda giovane che ha raccolto la sfida ed ha scommesso sul proprio bellissimo e generoso territorio. Claudia Natoni, grazie alla sua passione ed intraprendenza, ha realizzato una vasta gamma di specialità a base di una delle eccellenze gastronomiche della Ciociaria: il Peperone di Pontecorvo DOP. La genuinità dei suoi prodotti è garantita e suggellata dal prestigioso marchio che ha ottenuto questo particolare ortaggio, il marchio DOP – Denominazione di Origine Protetta.

  • Peperone Crusco DOP essiccato
  • Crema di Peperoni
  • Peperoni
  • Composta di zucca Pasta di Peperoni e zenzero
  • Liquore al peperonepeperdop PeperDop

 

Casata Mergè – Lazio

Al confine tra Frascati e Monte Porzio Catone, in un’area climatica  pregiatamente mediterranea, sorge la nostra Azienda. Culla ideale per  la coltura di vitigni autoctoni ultracentenari, in una zona che gli antichi  Romani elessero a luogo di villeggiatura per eccellenza, grazie al  paesaggio, al clima e alla bontà del suovino.

Nella prima metà del Novecento, Manlio Mergè inizia l’attività di  viticoltore rispettando la cultura e le caratteristiche storiche del territorio  Oggi Luigi Mergè, con i figli Massimiliano, Marco, Mariabeatrice e  Marianna, dopo tre generazioni, continua a tenere vivo quel primo  innesto, mantenendo intatte le radici di famiglia, producendo vini nel  rispetto delle tradizioni ma al passo con le più avanzate tecnologie.

Schermata 2020 02 17 alle 10.25.51 Casata Mergè   Lazio Schermata 2020 02 17 alle 10.26.00 Casata Mergè   Lazio Schermata 2020 02 17 alle 10.26.08 Casata Mergè   Lazio Schermata 2020 02 17 alle 10.26.15 Casata Mergè   Lazio mergè1 Casata Mergè   Lazio

 

Grosjean Vins – Valle d’Aosta

Fondata nel 1968 dal nonno DauphinGrosjean, questa realtà famigliare  si èpresto affermata ai vertici della viticolturadi montagna valdostana.

Ottenuta nel 2011 la certificazionebiologica, la famiglia Grosjean ha da  sempre cercato di valorizzare il territorio e le uve autoctone. Con il  passaggio allaterza generazione, all’alba del 2018, laCantina Grosjean  conferma, nei sui 12ettari coltivati, una solida tradizionefamigliare che  continua il lavoro iniziatoormai mezzo secolo fa.

Prodotti: Vini classici: Syrah,Torrette, Gamay, Pinot Noir,Fumin,  Chardonnay

Vini biologici: Premetta, Torrette vigne Rovettaz, Fumin vigne Rovettaz,  Cornalin vigne Rovettaz, Pinot Noir vigne Tzeriat, Petite Arvine, Muscat Petit  Grain,Gewurztraminer

Bollicine: Cuvéeottantanove, Montmary rosé metodo classico.

Schermata 2020 02 17 alle 10.20.01 Grosjean Vins   Valle d’Aosta Schermata 2020 02 17 alle 10.20.23 Grosjean Vins   Valle d’Aosta Schermata 2020 02 17 alle 10.20.37 Grosjean Vins   Valle d’Aosta Schermata 2020 02 17 alle 10.20.46 Grosjean Vins   Valle d’Aosta Schermata 2020 02 17 alle 10.20.56 Grosjean Vins   Valle d’Aosta

 

Azienda agricola Colle di Saragano – Umbria

Le etichette prodotte sono tre Montefalco Sagrantino DOCG, Rosso di  Montefalco DOC, Grechetto IGT, con una produzione attuale di 15000  bottiglie l’anno. Grazie al successo dei nostri prodotti abbiamo dovuto  provvedere da tempo ad un aumento della produzione che sarà effettiva  già dal 2016. Laproduzione di olio extra vergine d’oliva è di circa 2000  bottiglie l’anno. I vini sono tutelati e regolamentati dal disciplinare del  consorzio dei vini diMontefalco, l’area consentita per la produzione è molto  piccola e abbraccia l’ intero territorio comunale di Montefalco e parte dei  comuni di Bevagna, Giano dell’ Umbria, Gualdo Cattaneo e Castel Ritaldi. I  nostri vini raccontano l’Umbria,terra generosa e forte come la nostra gente.  Il vino è una forma d’arte e lepiccole cantine sono gli artisti che la creano.

 

colle Azienda agricola Colle di Saragano   Umbria

Vinicola Leonardo Bussoletti Ciliegiolo – Umbria

Leonardo Bussoletti è un’azienda agricola che si trova a Narni, in provincia di Terni, in una zona particolarmente vocata alla viticoltura. Leonardo Bussoletti, il titolare, con il prezioso supporto dell’agronomo Federico Curtaz, conduce in biologico, ad oggi, 7 ettari di vigna, composti principalmente da ciliegiolo ed a seguire da grechetto e trebbiano.
Seguendo i principi del biologico certificato da Suolo e Salute, si prediligono fermentazioni spontanee, senza lieviti selezionati, ma con il sistema del pied de cuve, ovvero con l’utilizzo delle proprie uve.

ciliegiolo1 Vinicola Leonardo Bussoletti Ciliegiolo   Umbria ciliegiolo2 Vinicola Leonardo Bussoletti Ciliegiolo   Umbria

Vinicola Fini – Lazio

Vinicola Fini è un’azienda familiare, di 10 ettari, ai piedi del vulcano dei castelli romani, voluta ed acquistata nel 1988 da Anacleto e sua moglie Giorgia, insieme ai figli Claudia ed Emiliano.
L’ attaccamento ed amore per la terra nasce da una tradizione di famiglia, che Anacleto ha ereditato dal padre Sebastiano, viticoltore.
Dalla passione per il vino di Emiliano nasce il progetto di completare il percorso dell’azienda con la produzione di vino, che sia in linea con i principi del rispetto per il territorio e della valorizzazione delle sue tipicità. Passione, Tradizione e Tecnologia sono le parole chiave della filosofia e del successo di questa azienda d’eccellenza! 

fini3 Vinicola Fini   Lazio

fini Vinicola Fini   Lazio

 

Vinicola Sordi – Abruzzo

La Vinicola Sordi nata nel 1922 come ditta locale , col passare del tempo ha selezionato partner e prodotti.

Le uve dei nostri vini dopo una accurata selezionevengono vinificate a temperatura controllata con le più moderne tecnologie, i vini così ottenuti sono di elevata qualità di fragranza e gusto.

I nostri prodotti sono destinati per la maggior parte alla ristorazione, bar, mense, enoteche e realizziamo etichette personalizzate per la ristorazione, eventi e imbottigliamento per conto terzi.

La nostra azienda iscritta all’albo degli imbottigliatori dal 2004 aderisce al consorzio di tutela dei vini d’Abruzzo. Ha come scopo istituzionale il controllo, la salvaguardia e la promozione dei vini Doc Igt abruzzesi che sono la maggior parte dei nostri prodotti. Oltre a vini abruzzesi commercializziamo anche vini Laziali e Pugliesi sempre aderendo sia alla camera di commercio di Roma e di Lecce che ne controllano la genuinità e l’autenticità.

Il nostro obiettivo è la distribuzione nel Lazio e in Italia. Non escludiamo in futuro l’esportazione dei nostri prodotti. Con il giusto rapporto di qualità prezzo la nostra azienda garantisce la massima rapidità e precisione delle consegne nel Lazio e in Italia con nostri mezzi e personale qualificato.
Rivolgendovi a noi saprete di contare su una azienda efficiente con vini di ottima qualità, sempre al servizio del cliente per trovare la soluzioni migliori per i vostri locali.

ordi2 Vinicola Sordi   Abruzzo sordi Vinicola Sordi   Abruzzo sordi1 Vinicola Sordi   Abruzzo sordi3 Vinicola Sordi   Abruzzo sordi4 Vinicola Sordi   Abruzzo sordi5 Vinicola Sordi   Abruzzo sordi6 Vinicola Sordi   Abruzzo

Cantine d’Uva

La storia dell’azienda è una storia di famiglia: nonno, padre e figlio, vignaioli e contadini, che dagli anni ’40 puntano a valorizzare la propria terra e produrre uve e vini di qualità all’insegna della riscoperta, del rispetto e della valorizzazione del territorio molisano.

Cuore pulsante di questa attività sono i 15 ettari di vigne coltivati ad un’altitudine media di 250 metri slm.

Le operazioni colturali favoriscono un naturale equilibrio vegeto produttivo. I suoli argilloso calcarei donano particolarità ai vini: struttura là dove l’argilla è più ricca, raffinatezza ed eleganza di bouquet là dove prevale il calcare e i ciottoli drenanti.

Si coltivano il Trebbiano, la Malvasia e lo Chardonnay per i bianchi, il Montepulciano, il Cabernet Sauvignon per i rossi, ai quali si aggiunge la varietà autoctona della Tintilia.

 

Acqua Filette – Lazio

Fonte Italia S.r.l imbottiglia l’acqua della sorgente Filette nel cuore delle montagne della Ciociaria più verde e incontaminata.
La fonte si trova nel comune di Guarcino, Frosinone, e ha una portata annua di circa 50 milioni di litri.

I prodotti sono esportati con l’obiettivo di garantire a tutti un’acqua di qualità superiore, preservando l’ecosistema e la salute dei consumatori nel rispetto delle normative previste dalla Legge Italiana, dall’Unione Europea e dalle Leggi dei Paesi dove i prodotti sono esportati.
FonteItalia S.r.l. è un’azienda con un sistema di gestione certificato secondo le norme UNI EN ISO 9001:2008.
L’azienda controlla e garantisce tutte le fasi del processo di produzione: dal servizio al cliente al design e alla grafica, dall’imbottigliamento alla distribuzione.

Disponibile in tre tipologie, “Naturalmente naturale”, “Delicatamente frizzante” e “Decisamente frizzante”, Acqua Filette soddisfa tutti i palati ed esalta la preziosità dei vini valorizzandone la persistenza.

Anche le linee e le forme sono di lussuosa eleganza: una classica bottiglia bordolese da vino è rivestita da un’etichetta in carta satinata da champagne, con l’iniziale F in lamina d’argento. La scelta del vetro, rigorosamente a perdere, e la capsula a copertura del tappo garantiscono la purezza, preservando Acqua Filette da ogni tipo di contaminazione.

Naturale2 Acqua Filette   Lazio

NATURALMENTE NATURALE

Bottiglia in vetro a perdere, disponibile nei formati da 375 e 750 ml

Delicatamente Acqua Filette   Lazio

DELICATAMENTE FRIZZANTE

Bottiglia in vetro a perdere, disponibile nei formati da 375 e 750 ml

Decisamente Acqua Filette   Lazio

DECISAMENTE FRIZZANTE

Bottiglia in vetro a perdere, disponibile nei formati da 375 e 750 ml

Bere consapevolmente. L’Acqua.

L’acqua fa bene al cuore, ai reni, al fegato, all’intestino e alla pelle. Per star bene è necessario abituarsi a bere l’acqua regolarmente e non solo quando si ha sete.

L’acqua minerale in bottiglia sta, a poco a poco, assumendo la stessa importanza del vino. Esiste ormai la figura del sommelier dell’acqua ed esistono corsi che insegnano a diventarlo.

Nei migliori ristoranti stranieri, ma anche in Italia, sta diventando una consuetudine che oltre alla carta dei vini ci sia la carta delle acque minerali.

 

10505280 1121593547857299 5818946763067721382 n Acqua Filette   Lazio 10440794 1142744479075539 6931724545940587116 n Acqua Filette   Lazio 10304440 1154550291228291 6874194982114879113 n Acqua Filette   Lazio 1618456 839014202781903 828688633 n Acqua Filette   Lazio 1546063 1111252845558036 5527491697619403725 n Acqua Filette   Lazio 1511219 1120367481313239 2817087070666001310 n Acqua Filette   Lazio 1379453 740128776003780 434395412 n Acqua Filette   Lazio 1239778 839014176115239 1207887441 n Acqua Filette   Lazio 1209264 740128799337111 1299615195 n Acqua Filette   Lazio 1176217 729487677067890 274643642 n Acqua Filette   Lazio 1043898 683397618343563 1313214444 n Acqua Filette   Lazio 1000548 683396881676970 817093330 n Acqua Filette   Lazio 998128 729487653734559 446090379 n Acqua Filette   Lazio 969846 673852655964726 1397646965 n Acqua Filette   Lazio 944835 673853192631339 1245223785 n Acqua Filette   Lazio 935151 673855972631061 1432603929 n Acqua Filette   Lazio 559633 1080144725335515 2065060383899096510 n Acqua Filette   Lazio 20427 1108284445854876 5295085899226457877 n Acqua Filette   Lazio maxresdefault 1 Acqua Filette   Lazio filette Acqua Filette   Lazio filette Acqua Filette   Lazio CEUfxaCWIAAZNaz Acqua Filette   Lazio 11917493 1184474528235867 5203249082505704865 n Acqua Filette   Lazio 11694815 1145658415450812 7655758671333501263 n Acqua Filette   Lazio 11214276 1111252788891375 2196254924736717318 n Acqua Filette   Lazio 11107725 1108284505854870 3557647632328143095 n Acqua Filette   Lazio 11034898 1078648865485101 7943813499187567922 n Acqua Filette   Lazio 10649969 1111252675558053 5125049370192310398 n Acqua Filette   Lazio 1463906 1142744792408841 5688247186720679758 n Acqua Filette   Lazio 999320 683397338343591 2005249728 n Acqua Filette   Lazio 11902242 1173602642656389 4341406629654297384 n Acqua Filette   Lazio 11826035 1163713763645277 7999947585341967130 n Acqua Filette   Lazio 11755259 1154550277894959 8540223059334156381 n Acqua Filette   Lazio 11755212 1154550294561624 322274468441524661 n Acqua Filette   Lazio 11752004 1154550264561627 5935082421157849635 n Acqua Filette   Lazio 11695527 1147993248550662 7196065614597930939 n Acqua Filette   Lazio 11692605 1145658385450815 2532248856853798339 n Acqua Filette   Lazio 11667354 1145658525450801 5490254022054302768 n Acqua Filette   Lazio 11403354 1147993408550646 6504455148895757245 n Acqua Filette   Lazio 11403004 1147993338550653 8173339828877073514 n Acqua Filette   Lazio 11390491 1130144043668916 5603707309817400847 n Acqua Filette   Lazio 11219148 1111252775558043 1493790382183100229 n Acqua Filette   Lazio 11209567 1147993348550652 1613455828377634774 n Acqua Filette   Lazio 11208671 1108284519188202 2772789908742560510 n Acqua Filette   Lazio 11202856 1154550164561637 5412237942970754385 n Acqua Filette   Lazio 11174762 1154550241228296 4835459202598282470 n Acqua Filette   Lazio 11170327 1120367484646572 3644457157225978058 n Acqua Filette   Lazio 11150981 1108284422521545 6996036858205656607 n Acqua Filette   Lazio 11091174 1081162785233709 2135675421425318510 n Acqua Filette   Lazio 11070978 1111252818891372 4240821599063240593 n Acqua Filette   Lazio 11057443 1169814106368576 7140174813276216055 o Acqua Filette   Lazio 11054460 1142744802408840 5636295414478529317 n Acqua Filette   Lazio 11037274 1111252772224710 3631847491419423520 n Acqua Filette   Lazio 11036572 1137823162901004 2689983704061552753 n Acqua Filette   Lazio 11027443 1154550191228301 8059412467200038218 n Acqua Filette   Lazio 11011052 1070406686309319 2879036080392165129 n Acqua Filette   Lazio 10982043 1154550231228297 8511560548464306990 n Acqua Filette   Lazio 10949739 1111252782224709 8172441649934985080 n Acqua Filette   Lazio 10685378 1068770726472915 6330507386113308307 n Acqua Filette   Lazio 10653872 1003891689627486 1165979049715369816 n Acqua Filette   Lazio

Cantine Viola

Custode di una secolare tradizione del paese e della mia famiglia, io, Luigi Viola , maestro elementare in pensione, da sempre appassionato di natura e agricoltura, dopo aver insegnato per oltre 35 anni, ho deciso di dedicare a tempo pieno le mie energie al recupero, alla valorizzazione e alla diffusione di un nettare, che correva il rischio di estinzione: il Moscato di Saracena .
Coinvolgendo l’intera famiglia: mia moglie Margherita e i tre figli Roberto, Alessandro e Claudio, ai quali ho saputo trasmettere la mia passione e l’amore per la nostra terra, ho incrementato la produzione di questo vino da meditazione, che, una volta proposto al pubblico e ad esperti del settore, ha immediatamente avuto un riscontro eccezionale. Ecco che come ciò che era nato quasi per scommessa, è divenuto per noi tutti un lavoro piacevole e ricco di stimoli, che ci ha permesso di venire a contatto con persone, ambienti e situazioni estremamente affascinanti.SAX 9977 199x300 Cantine Viola SAX 3822 300x200 Cantine Viola SAX 3820 300x200 Cantine Viola SAX 3582 300x200 Cantine Viola SAX 3566 300x200 Cantine Viola SAX 3565 300x200 Cantine Viola SAX 3564 300x200 Cantine Viola SAX 3563 300x200 Cantine Viola SAX 3549 300x200 Cantine Viola SAX 3548 300x200 Cantine Viola SAX 3547 300x200 Cantine Viola SAX 3526 300x200 Cantine Viola SAX 3525 300x200 Cantine Viola SAX 3464 300x200 Cantine Viola SAX 3463 300x200 Cantine Viola SAX 3462 300x200 Cantine Viola SAX 3461 300x200 Cantine Viola SAX 3460 300x200 Cantine Viola SAX 3458 300x200 Cantine Viola SAX 3456 300x200 Cantine Viola SAX 3454 300x200 Cantine Viola SAX 3452 300x200 Cantine Viola SAX 2490 200x300 Cantine Viola SAX 2483 200x300 Cantine Viola SAX 2481 200x300 Cantine Viola SAX 2480 200x300 Cantine Viola SAX 2479 200x300 Cantine Viola SAX 2478 200x300 Cantine Viola SAX 2477 200x300 Cantine Viola SAX 2476 200x300 Cantine Viola SAX 2475 300x200 Cantine Viola SAX 2473 300x200 Cantine Viola SAX 2472 300x200 Cantine Viola SAX 2471 300x200 Cantine Viola SAX 2470 300x200 Cantine Viola SAX 2468 300x200 Cantine Viola SAX 2465 200x300 Cantine Viola SAX 2464 200x300 Cantine Viola SAX 2463 200x300 Cantine Viola SAX 2462 200x300 Cantine Viola SAX 2460 200x300 Cantine Viola SAX 2457 300x200 Cantine Viola SAX 2456 300x200 Cantine Viola SAX 2454 200x300 Cantine Viola SAX 2452 200x300 Cantine Viola SAX 2450 200x300 Cantine Viola SAX 2449 200x300 Cantine Viola SAX 2448 200x300 Cantine Viola SAX 2446 200x300 Cantine Viola SAX 2445 200x300 Cantine Viola SAX 2444 200x300 Cantine Viola SAX 2443 200x300 Cantine Viola SAX 2442 200x300 Cantine Viola SAX 2439 200x300 Cantine Viola SAX 2438 200x300 Cantine Viola SAX 0216 200x300 Cantine Viola SAX 0215 200x300 Cantine Viola SAX 0212 200x300 Cantine Viola SAX 0210 200x300 Cantine Viola SAX 0207 200x300 Cantine Viola SAX 0206 200x300 Cantine Viola SAX 0202 200x300 Cantine Viola SAX 0200 200x300 Cantine Viola SAX 0198 200x300 Cantine Viola SAX 0197 200x300 Cantine Viola SAX 0193 200x300 Cantine Viola SAX 0192 200x300 Cantine Viola SAX 0190 200x300 Cantine Viola

CANTINA SIGNAE

La cantina Signae nasce nel paese di Bastardo, in un’area incontaminata immersa nel verde dell’Umbria e circondata da numerosi castelli medievali.

L’Azienda dispone di 55 ettari di terreno dei quali 30 ettari coltivati a vite: Sagrantino, Sangiovese, Merlot, Cabernet, Sauvignon e Grechetto.

I terreni hanno origine lacustre, essendo state il bacino dell’antico lago Tiberino, e questo le rende particolarmente adatte per la coltivazione della vite e in particolare del Sagrantino.

L’azienda punta ad offrire prodotti di altissima qualità nel rispetto della vera tradizione umbra e dell’ambiente minimizzando l’utilizzo della chimica in vigna e in cantina. Il risultato è un prodotto naturale, oltre il biologico con uva raccolta manualmente.

La cantina non solo è tra quelle più tecnologicamente avanzate in tutta Europa ma si fa organizzatrice e promotrice di iniziative come la “vendemmia competitiva”, “Rossobastardo live” ed il progetto Erasmus per gli Istituti Alberghieri.

Angelo D’uva Vino


La storia dell’azienda è una storia di uomini, e di uno stesso sogno: valorizzare la propria terra e produrre uve e vini di qualità. E’ una storia di famiglia, nonno, padre e figlio, vignaioli e contadini. Negli anni 40, è nonno Angelo, a piantare i primi vigneti.
Con caparbietà e amore per la terra, il figlio Sebastiano negli anni 60-70 accresce l’azienda, lavorandovi con passione, costanza e dedizione assoluta. Il salto di qualità si compie con Angelo, l’attuale titolare che specializza l’azienda nella produzione vitivinicola e inizia nel 2001 la trasformazione diretta delle proprie uve e la produzione di vini DOC e IGT.

Coniugare l’esperienza contadina e le moderne conoscenze e tecnologie enologiche è il credo di Angelo D’Uva pienamente condiviso dal suo enologo il giovane Donato Di Tommaso. Per entrambi un buon vino inizia da un frutto sano e la vinificazione deve essere semplice ed essenziale perchè il vino sia una sincera e schietta espressione della sua terra.

Cieri 1938 Vino

L’azienda agricola Cieri nasce nel 1938 dal capostipite Cieri Camillo, che fece della sua passione per la terra e la vite il suo mestiere. L’azienda possiede 47 ettari di terreno e come forma di allevamento della vite utilizza l’alberello e il tendone.

I vigneti vengono coltivati con cura e nel pieno rispetto del terreno e del territorio e rappresentano la risorsa più preziosa dell’azienda. Alcuni appezzamenti del nostro vigneto sono coltivati esclusivamente secondo l’agricoltura biologica. Nei vigneti vengono coltivati le viti classiche del molise, come: il Trebbiano, il Falanghina, il Montepulciano, l’Aglianico e l’autoctono Tintillia.

Oltre ad una cura estrema del territorio e alla produzione del vino, la nostra cantina permette la visita della nostra struttura, dei vigneti e la degustazione del nostro vino con prodotti del luogo. Per prenotare visite e degustazioni è possibile inoltrare una richiesta tramite il modulo di contatto presente nella pagina “Contatti”

Casato Unico

In armonia con i secolari ritmi della natura
e nel rispetto degli ideali tramandati dai nostri avi,
nasce “Casato Unico”: la passione per il prosecco,
la devozione alla cura della vigna, l’amore per l’originalità.

Cedete alla tentazione di farvi avvolgere da una elegante distrazione.
Scoprirete, sorso dopo sorso, di non commettere peccato.SAX 8050 200x300 Casato Unico

SAX 8039 199x300 Casato Unico SAX 8032 199x300 Casato Unico SAX 8025 200x300 Casato Unico SAX 8020 300x200 Casato Unico SAX 8016 200x300 Casato Unico SAX 8015 200x300 Casato Unico SAX 8005 200x300 Casato Unico SAX 7994 300x200 Casato Unico SAX 7993 200x300 Casato Unico SAX 7991 300x200 Casato Unico SAX 7981 200x300 Casato Unico SAX 7979 200x300 Casato Unico SAX 7978 200x300 Casato Unico SAX 7977 200x300 Casato Unico SAX 7974 200x300 Casato Unico SAX 7955 200x300 Casato Unico SAX 7953 200x300 Casato Unico SAX 6739 300x200 Casato Unico SAX 6733 200x300 Casato Unico SAX 6732 300x200 Casato Unico SAX 6730 300x200 Casato Unico SAX 6726 300x200 Casato Unico SAX 6725 300x200 Casato Unico SAX 6721 300x200 Casato Unico SAX 6720 300x200 Casato Unico SAX 6694 300x200 Casato Unico SAX 6689 300x200 Casato Unico SAX 6683 300x200 Casato Unico SAX 6679 300x200 Casato Unico SAX 6639 300x200 Casato Unico SAX 6621 300x200 Casato Unico

 

 

10455859 891400917541742 3817113316665403561 n1 300x200 Casato Unico

10487537 1565837390310378 6667764776869609618 n 199x300 Casato Unico

10559932 1508395399373780 3110459582511951779 n1 300x199 Casato UnicoSAX 8408 00272 300x200 Casato Unico SAX 8407 00271 300x200 Casato Unico SAX 8405 00270 300x200 Casato Unico SAX 8404 00269 300x200 Casato Unico SAX 8403 00268 300x200 Casato Unico SAX 8208 00081 300x200 Casato Unico SAX 8206 00079 300x200 Casato Unico SAX 8203 00076 200x300 Casato Unico SAX 8199 00072 300x200 Casato Unico SAX 8197 00070 300x200 Casato Unico SAX 8152 00030 300x200 Casato Unico SAX 8144 00022 200x300 Casato Unico SAX 8136 00016 300x200 Casato Unico SAX 8135 00015 300x200 Casato Unico SAX 2552 200x300 Casato Unico SAX 2551 200x300 Casato Unico SAX 2550 200x300 Casato Unico SAX 2549 200x300 Casato Unico SAX 2548 200x300 Casato Unico SAX 2546 200x300 Casato Unico SAX 2544 200x300 Casato Unico SAX 2543 200x300 Casato Unico SAX 2542 200x300 Casato Unico SAX 2541 200x300 Casato Unico SAX 2540 200x300 Casato Unico SAX 2539 200x300 Casato Unico SAX 2538 200x300 Casato Unico SAX 2537 200x300 Casato Unico SAX 2536 200x300 Casato Unico SAX 2535 200x300 Casato Unico SAX 2534 200x300 Casato Unico SAX 2533 200x300 Casato Unico SAX 2532 200x300 Casato Unico SAX 2531 200x300 Casato Unico SAX 2529 200x300 Casato Unico SAX 2528 200x300 Casato Unico SAX 2527 200x300 Casato Unico SAX 2526 200x300 Casato Unico SAX 2524 200x300 Casato Unico SAX 2522 300x200 Casato Unico SAX 2520 300x200 Casato Unico SAX 2517 300x200 Casato UnicoSAX 3902 300x200 Casato Unico SAX 3899 300x200 Casato Unico SAX 3815 300x200 Casato Unico SAX 3779 300x200 Casato Unico SAX 3778 200x300 Casato Unico SAX 3776 200x300 Casato Unico SAX 3774 200x300 Casato Unico SAX 3765 200x300 Casato Unico SAX 3673 300x200 Casato Unico SAX 3672 300x200 Casato Unico SAX 3572 200x300 Casato Unico SAX 3570 200x300 Casato Unico SAX 3376 200x300 Casato Unico SAX 3375 200x300 Casato Unico SAX 3370 200x300 Casato Unico SAX 3368 200x300 Casato Unico SAX 3366 200x300 Casato Unico SAX 3364 200x300 Casato Unico SAX 3362 300x200 Casato Unico SAX 3358 300x200 Casato Unico

Distilleria Giori

La Giori Distillati Trentini e’ stata fondata da Ferruccio Giori nel lontano 1946.
Da una iniziale dimensione artigianale la passione, la caparbietà e la professionalità del fondatore, sempre affiancato dalla moglie Oretta, hanno consolidato le basi per una futura, gratificante e costante crescita.
All’inizio degli anni ’70, con l’entrata in azienda dei due figli Morena e Mauro, gli orizzonti si sono allargati, da un lato consolidando il cuore aziendale, dall’altro passando da una dimensione locale a una internazionale, sempre nel solco di quei valori che ne hanno ispirata l’origine: passione, genuinità’, creatività, professionalità.
Negli anni ’90 l’azienda ha ricevuto un ulteriore importante impulso: l’entrata dei nipoti Marella e Alessandro ha portato nuova linfa, nuove idee, nuovi entusiasmi, coniugando i valori della tradizione ai nuovi traguardi del mercato globale.

 

page imgb Distilleria Giori

Filosofia aziendale

 

La Giori Distillati Trentini opera quotidianamente coniugando i valori e l’esperienza della tradizione con la creatività e la costante ricerca della qualità senza compromessi, all’insegna dell’eccellenza del prodotto.
Fin dalle origini la Giori Distillati Trentini e’ stata capace di individuare prima prodotti innovativi e vincenti, spesso anticipando le “mode” e a volte creando gli “stili”.
Il catalogo Giori Distillati Trentini annovera infatti diversi prodotti che hanno costituito di volta in volta innovazione e “svolte” nel modo del bere.
Il porre al centro dei propri obiettivi sempre e comunque la qualita’, ha portato l’azienda a conseguire costanti riconoscimenti e primi premi sia nazionali che internazionali (…).
Giori Distillati Trentini, ancorata ai valori della tradizione e grazie alla propria modernità, flessibilità, dinamicità, e’ oggi una realtà riconosciuta e apprezzata nel mercato internazionale.
Chi sceglie lo stile Giori non e’ solo “soddisfatto”, ma anche “deliziato”.

 

page img Distilleria Giori

Il nostro mercato

 

La crescita della Giori Distillati Trentini, avvenuta attraverso la ricerca del continuo perfezionamento, ha coinciso con una progressiva e costante espansione geografica.
I prodotti Giori si trovano oggi pressochè nei cinque continenti: Europa, America (Canada, Stati Uniti, America Latina), Australia, Africa, Asia (Cina, Russia).

 

page imgd Distilleria Giori

Il territorio

 

I vigneti che si estendono in un fondovalle ben delimitato dai versanti delle montagne, spinti su e su fino a che la gravità stessa non pone un secco limite; i torrenti che irrigano capillarmente il territorio assicurando le giuste portate durante l’intero corso dell’anno; il sole ben calibrato attraverso i profili grigio-azzurri delle montagne, così da formare i giusti tempi di esposizione, dal caldo delle giornate luminose al repentino freddo dell’imbrunire; l’opera dell’uomo abituata all’assenza di compromessi, decisa nello scegliere ogni volta ciò che è da mantenere rispetto a ciò che è da buttare; i prodotti finali, frutto di una selezione che naturalmente è arrivata alla fine del processo. Tutto questo è ciò che la ns/ azienda offre: non un prodotto, ma una storia; non un modo di lavorare, ma un modo di vivere; non una grappa, ma una meta raggiunta nel tempo. Perché non ci sono persone se non entro una storia precisa, così come non ci sono prodotti fuori dal solco di una tradizione e di un territorio che, con orgoglio, la nostra azienda possiede.

 

page imgc Distilleria Giori

502 Distilleria Giori slide1 Distilleria Giori richard gere felice di bere trentodoc Distilleria Giori idee02 11 Distilleria Giori idee011 Distilleria Giori img4 GioriDistillatiTrentini1946 1403706288 Distilleria Giori img1 GioriDistillatiTrentini1946 1403706288 Distilleria Giori img 0442 Distilleria Giori img 0440 Distilleria Giori idee03 Distilleria Giori idee02 Distilleria Giori idee02 1 Distilleria Giori idee01 Distilleria Giori firmatiliq g Distilleria Giori confezioni giori Distilleria Giori terre 3 Distilleria Giori strenne06 Distilleria Giori strenne04 Distilleria Giori strenne02 Distilleria Giori strenne01 Distilleria Giori slide12 Distilleria Giori slide111 Distilleria Giori

Casal Thaulero

Il nome di questa prestigiosa Cantina trae origine dalla località “Casal Thaulero”, ove risiedeva la nobile famiglia dei Thaulero che si stabilì sin da XVI secolo nel territorio abruzzese.
Traccia della loro presenza viene trovata in un contratto matrimoniale datato 9 marzo 1738 nel quale venivano descritti i beni dati in dote ad Angela Thaulero, figlia di Don Francesco Thaulero.

Alla fine del 1800 il Duca Giovanni Thaulero avviò un’opera di bonifica nei suoi possedimenti, piantando dei vitigni moderni e costruì una grande cantina, all’avanguardia per quei tempi. Lui è considerato il “padre del vino” in Abruzzo, grazie alla sua forte inclinazione alla sperimentazione, un vero e proprio precursore della viticoltura moderna.

Questa antica tradizione enologica tramandata da trecento anni si è tramandata da padre in figlio per 300 anni e si è poi estesa a gran parte degli abitanti sia del luoghi limitrofi e sia all’intera regione, fino ad abbracciare anche terreni dislocati nella provincia di Chieti.
Ragion per cui, nel 1961 alcuni vignaioli decisero di associarsi e costituire una azienda vinicola, in onore della famiglia Thaulero, che nel frattempo aveva visto la fine della famiglia.

Casal Thaulero è stata la prima cantina abruzzese ad imbottigliare vini a Denominazione di Origine Controllata.

Questa storia ricca di tradizione e passione racconta le “nobili origini” di una cantina che continua, ancor oggi, a produrre vini riconosciuti ed apprezzati in Paesi di tutto il mondo.

1591 000 1707 Casal Thaulero 10432765 Casal Thaulero 1224901312 web Casal Thaulero 142470586177901 Casal Thaulero borgo cerasuolo1 Casal Thaulero borgo pecorino1 Casal Thaulero casal thaulero 1 Casal Thaulero Casal Thaulero Montepulciano d Abruzzo DOC fine Casal Thaulero casal montepulciano Casal Thaulero  Casal Thaulero casal thaulero e impavida Casal Thaulero Casal Thaulero Pinot Grigio 2012 Label Casal Thaulero  Casal Thaulero Diapositiva133 Casal Thaulero Diapositiva141 Casal Thaulero duca passerina1 Casal Thaulero F 101101 Casal Thaulero  Casal Thaulero  Casal Thaulero montepulciano dabruzzo cerasuolo 1986.jpg Casal Thaulero  Casal Thaulero  Casal Thaulero 10463877 1565841883643262 2379700391921837934 n Casal Thaulero 10488029 313247362182420 374720386282914557 n Casal Thaulero 10492572 1565841946976589 3476536285837507758 n Casal Thaulero

La Luna Del Casale

La Luna Del Casale

La Luna del Casale offre prodotti da agricoltura biologica: vino dei Colli Lanuvini, a rese basse, per la massima qualità nel rispetto delle tipicità del territorio. Olio extravergine d’oliva, da olive raccolte a mano e spremute a freddo. La più cordiale ospitalità per i Vostri ricevimenti, per celebrare ogni momento speciale… insieme.

Interamente da agricoltura biologica, vini e olio extravergine d’eccellenza, espressione appassionata del Territorio dei Colli Lanuvini. A cominciare da “I Cru della Luna“: Sara e Alessandro sono vini speciali, e per questo portano i nomi di due nostri figli.

I piedi sulla Terra, la testa nel Cielo.

Da sempre, la natura e la naturalità riescono
ad emozionarmi; considero un grande regalo l’opportunità di vivere e lavorare a contatto
con la Terra, che risarcisce ogni sforzo proporzionalmente all’amore
con cui viene compiuto.

Eppure (e lo testimonia il nome che porta
la nostra azienda), nella vita e nel lavoro
volgo spesso gli occhi al Cielo, cercando
di migliorare quotidianamente i risultati,
ovvero la Qualità dei prodotti che offriamo.

 

La Luna del Casale®

Via Fontana Parata, 11

00040 – Lanuvio (Roma)

tel e fax +39 06 93 70 036

mobile +39 347 82 48 506

 

Casale del Giglio

di Alessio Pietrobattista

Signore e signori, il Mostro: ho assaggiato Casale del Giglio (pensando a Jonathan Nossiter)
Ero lì tranquillo che mi godevo il putiferio scatenato da Nossiter, suicciando felice tra ristoratori Dissaporiani incazzati e polemiche Intraviniche sulle bottiglie tossiche quando, improvvisa, la chat di Facebook emette un sinistro pop: “ci serve una degu di Casale del Giglio e subito”. Il messaggio non ammette repliche e quando Intravino ti affida una missione, l’unica domanda che devi farti è: dove trovo le bottiglie? Facile: nel supermercato vicino casa non mancano quasi mai. Peccato che questo sia in un centro commerciale e sotto i saldi: due chilometri di corsie per arrivare a uno scaffale triste e vuoto. Altro supermercato in zona, stessa storia: ma che ve li siete bevuti tutti?!? Mi informo su internet, giro un po’ di enoteche e finalmente riesco a reperire quella che reputo una selezione abbastanza rappresentativa dell’azienda. Eccola qui in foto, corredata dall’elegante sputacchiera (ehm, scusate ma a casa non abbiamo questo vizio).

Si parte: tenterò di essere il più distaccato e soggettivamente oggettivo possibile (darò pure i voti, incredibile).

Satrico 2010 (Chardonnay, Sauvignon, Trebbiano giallo in parti uguali): il top of the pops dei vini bianchi. Giallo paglierino e olfatto che richiama nettamente il fruttato-erbaceo del Sauvignon: pesca bianca, salvia, melone invernale e tarassaco. Naso tutto sommato piacevole, dove lo Chardonnay e il Trebbiano Giallo fanno sommessamente da dolci comprimari. Bocca beverina con il Sauvignon ancora in evidenza, non particolarmente interessante ma di discreta facilità. L’alcool scappa un po’ rispetto alla struttura del vino. Gli piace vincere facile. p. 75 (euro 4,60)

Petit Manseng 2010: uno degli ultimi nati tra i bianchi della casa, da un’uva semi-sconosciuta del sud-ovest franzoso. Si dice che insieme al Viogner sia ormai lanciatissimo alla conquista del nuovo mondo… potevamo farcelo scappare? Colore dorato, naso che ricorda nei toni dolci il compagno di conquiste: mela gialla, ananas e papaya di primo impatto, poi crema di nocciola, florealità gialla e toni cerealicoli. E’ giallissimo anche in bocca, di discreta struttura e buona integrazione dell’alcool. Non fa malolattica (altrimenti svaccherebbe) e la beva, non lunghissima, ne guadagna. Mi ricorda alcune Falanghine flegree ma con minor slancio acido. Ma ‘sto Petit Manseng, ce serve o non ce serve? p. 74 (euro 9,50)

Antinoo 2009 (66% Chardonnay, 33% Viogner): è il bianco di punta, non ci sono dubbi e, come spesso accade, l’affinamento in legno diventa istituzionale (misto Tonneau e Barriques). Colore dorato lucente e naso incipriato e imbellettato: la vaniglia prima di tutto, con una spolverata di zucchero a velo, banana e pera matura, cera d’api e ginestra. Bocca confortevole, morbida, calda, dove l’acidità se ne sta in disparte per lasciar spazio ai toni avvolgenti e vanigliosi del legno, per la verità mai tostati. Con uno sprint acido in più potrebbe risultare più dinamico. Soft, molto soft, pure troppo. p. 76 (euro 9,50)

Merlot 2009: si poteva rinunciare al vitigno-piacione per antonomasia? Giammai! Colore rubino intenso, quasi vinoso come conferma l’olfatto sui toni della frutta fresca, ribes e melograno a cui presto si affiancano toni verdi evidenti, con una interessante pepatura di sottofondo. La bocca conferma la vinosità del frutto, in un contesto di buona freschezza. Per sgamare il vino più piacione del lotto in realtà mi sono trovato finora quello con maggiore freschezza, malgrado alla fine risulti un po’ “piccolo”, per via di una sensazione di diluizione e il frutto tendenzialmente dolce. Sensazione di calore? Zero. Sensazione legnosa? Poca, se non in bocca con le dolcezze rimarcate. Da un base ci può stare, si beve senza troppi pensieri. p. 76 (euro 6,00)

Madreselva 2008 (Merlot, Cabernet e Petit Verdot in parti uguali): uno dei due top di gamma per i rossi con un classico mix bordolese. Un punto di colore più cupo del precedente e un olfatto più complesso: al classico spunto di bollitura di fagioli del Petit Verdot (ho testimoni a riguardo sulla mia sensibilità a questo sentore), spuntano inaspettati dei toni sevatici a sparigliare un quadro che altrimenti vedrebbe primeggiare il classico fruttato misto di bosco e i toni verdi, lievemente tendenti al classico peperone arrostito tipico dei bordolesi della costa. La bocca è compatta e tannica, non banale anche se l’astringenza da legno e la sensazione alcolica si fanno sentire con l’innalzarsi della temperatura. A circa 12-13 euro in enoteca si fa un figurone con amici non troppo esigenti. p. 80 (euro 13,50)

Mater Matuta 2008 (Syrah 85%, Petit Verdot 15%): signori e signore, ecco il top: sua maestà Mater Matuta. Pluricinquegrappolato nella sua storia e sempre ben considerato dalla critica del settore. Uno dei rossi più premiati del Lazio. Iniziamo: il colore è simile al Madreselva, al naso la bollitura di cui sopra fa capolino ma è la nota selvatica del Syrah a prevalere. La pepatura è evidente, scura come anche il frutto più tendente alla prugna e al gelso nero. La tostatura c’è, anche in bocca dove prevalgono i toni dolci della frutta e del rovere. La sensazione di compattezza è evidente, l’astringenza del tannino da legno pure. Vino che mostra e dimostra, quasi un esercizio di stile, nato per stupire chi si avvicina al club del gomito alzato. Più strutturato del Madreselva, più caldo e più di impatto ma se dovessi valutare il q/p sceglierei il fratellino (che costa quasi la metà). p. 82 (euro 24,20)

I vini di Casale del Giglio li frequentavo nel passato, quando la mia prima bevuta di uno Shiraz (guarda un po’) mi avvicinò a questo mondo. Approfondii l’azienda, erano vini che mi piacevano e cercavo con convinzione. Questi assaggi sono stati un divertente flash-back che m’hanno riportato a quando ero curioso come una scimmia. La curiosità, che ancora mi anima, m’ha portato ad apprezzare altro ma vedo che in quei lidi poco o nulla è cambiato, quasi che ci si sia specializzati in ingegneria enologica. Staticità? Sì, ma potrebbe essere associata all’affidabilità per l’enoprincipiante, alla certezza di trovare ciò che si cerca. Territorialità? No o perlomeno senza una storia lunga alle spalle è quasi impossibile parlarne. Personalità? Per me no, ce n’è poca. Tossicità? Spero e credo di no. Ecocompatibilità? Il termine che usano in azienda può essere discutibile, ci mancherebbe. Quello che è indiscutibile è che nelle etichette questo aspetto non è minimamente accennato. Quindi in che modo confondono “chi non è informato”?  Chi sa parli.

1157683 544168898965792 526497136 n 300x199 Casale del Giglio 13582 544169198965762 95176173 n 300x300 Casale del Giglio 601389 544168548965827 1894293611 n 200x300 Casale del Giglio 625491 544168872299128 1790262681 n 300x215 Casale del Giglio 945790 544169178965764 1189873399 n 300x200 Casale del Giglio 993689 544168932299122 2011451571 n 300x103 Casale del Giglio 993693 544168765632472 1135152815 n 300x199 Casale del Giglio 995768 544169138965768 32151155 n 300x200 Casale del Giglio 1001114 544168995632449 95743269 n 200x300 Casale del Giglio 1002171 544169162299099 912562597 n 200x300 Casale del Giglio 1003519 544168582299157 405077246 n 300x300 Casale del Giglio 1004824 544169245632424 637713162 n 300x300 Casale del Giglio 1004928 544168605632488 1465230894 n 300x200 Casale del Giglio 1011459 544168572299158 1227818122 n 300x200 Casale del Giglio 1013263 544169272299088 1187803735 n 300x251 Casale del Giglio 1017293 544169012299114 1957001329 n 200x300 Casale del Giglio 1095115 544168542299161 322345714 n 300x200 Casale del Giglio 1098389 544169085632440 1937343642 n 200x300 Casale del Giglio 1146462 544168768965805 528015757 n 300x198 Casale del Giglio 1146710 544168658965816 1032771756 n 300x200 Casale del Giglio 1148916 544169052299110 23839395 n 300x200 Casale del Giglio 1150801 544168608965821 1791960317 n 300x200 Casale del Giglio 1150898 544168748965807 635806967 n 300x200 Casale del Giglio

Greco di Bianco – Capozefiro

appassimento uve greco di bianco1 Greco di Bianco   Capozefiro bottiglia capo zefirio1 Greco di Bianco   Capozefiro CAPO ZEFIRIO1 Greco di Bianco   Capozefiro DSCN33821 Greco di Bianco   Capozefiro greco grape Interna 11 Greco di Bianco   Capozefiro greco di bianco passito 2006.jpg1 Greco di Bianco   Capozefiro grecodibianco1 Greco di Bianco   Capozefiro  Greco di Bianco   Capozefiro magis large1 Greco di Bianco   Capozefiro selezione calabria moscato di saracena cantine viola e greco di bianco capo zefirio1 Greco di Bianco   CapozefiroPassione passito.

Nel Reggino, da vigneti posti su terreno dalla struttura argillosa, dimorano le uve Greco Bianco, dalle quali si produce un vino passito particolarmente piacevole, a detta degli esperti, il più antico vino d’Italia, che prende il nome di Greco di Bianco. Per la sua produzione, si procede prima alla vendemmia, a metà settembre, con un’accurata selezione delle uve rigorosamente Greco Bianco per almeno il 95%, eventualmente altre uve a bacca bianca non aromatiche della provincia di Reggio Calabria, ma non più del 5% complessivo, che poi vengono appassite su graticci al sole oppure su essiccatoi ad aria forzata per 8/10 giorni, in modo da concentrarne gli zuccheri.

www.capozefirio.com

 

SAX 6698 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro SAX 6696 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro SAX 6677 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro SAX 6675 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro SAX 6672 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro SAX 6671 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro SAX 6670 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro SAX 6668 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro SAX 6666 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro SAX 6665 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro SAX 6663 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro SAX 6662 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro SAX 66361 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro SAX 6635 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro SAX 6615 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro SAX 6613 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro SAX 6610 300x200 Greco di Bianco   Capozefiro