Ambasciatore degli Stati Uniti John Phillips alla Casa delle Regioni

Giovedì 25 febbraio 2016 si è svolta presso la Casa delle Regioni un importantissimo avvenimento: la visita dell’Ambasciatore degli Stati Uniti John R. Phillips.

Ad accoglierlo a via Aldrovrandi il Segretario Generale Alessandro Carnevali ed il Presidente Pasquale Mastracchio.

L’Ambasciatore ha visitato i locali dell’Unar – Casa delle Regioni tra le quali la bellissima terrazza e lo spazio della rappresentanza dei friulani  del Fogolar Furlan e quella dei Sardi del Gremio.

Si è passati poi in Sala Italia dove è stato accolto con grande entusiasmo da tutti i Presidenti delle Associazioni Regionali.

Prima degli interventi si è esibito con il violino il più giovane musicista dell’Accademia Sincronia con la quale la Casa delle Regioni ha stipulato una convenzione.

Il quattordicenne Giovanni Gibboni ha esibito con il suo violino due Capricci di Paganini.

Subito dopo ha preso la parola il Segretario Generale Carnevali il quale ha ricordato le tappe salienti della storia della Casa delle Regioni e ha messo in evidenza i principali obiettivi che essa si propone primo tra tutti la tutela del nostro vastissimo patrimonio di tradizioni e di specificità territoriali.

Il Presidente del Fogolar Furlan Pittoni parlando del Friuli ha ricordato le origini friulane dell’Ambasciatore.

Infine il Presidente Mastracchio ha sottolineato l’importanza della storica amicizia tra l’Italia e gli Usa. Ha ricordato l’importante attività che la Casa delle Regioni sta svolgendo nei confronti delle comunità italiane all’estero in particolare con le associazioni italo americane.

Ha concluso gli interventi l’Ambasciatore Phillips che ha ricordato di aver visitato tutte le regioni d’Italia e scherzando ha aggiunto che non avrebbe mai immaginato anche di poterle visitare tutte in un unico palazzo e proprio di fronte a villa Taverna.

Ha lodato l’attività della Casa delle Regioni in quanto persegue lo scopo meritorio di preservare le singole identità territoriali.

Inoltre ha ribadito con orgoglio le sue origine italiane tanto da definirsi italiano- americano.

Al termine dei discorsi è stato consegnato all’Ambasciatore la scultura di bronzo “Sogno di Sirena” della scultrice internazionale Paola Crema. Omaggio destinato all’ l’Ambasciata Usa a Roma.

La visita si è conclusa nella Biblioteca delle Regioni dove l’Ambasciatore ha potuto degustare i prodotti tipici regionali e ricevere alcuni omaggi da parte dei singoli presidenti.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento